la vostra esperienza

questa pagina è interamente dedicata a voi lettori che avete scelto di entrare nel mio blog per captare notizie che possono riguardarvi, spero le abbiate trovate! e mi auguro che  vogliate rendermi partecipe della vostra esperienza, indicando la vostra forma di allergia, o di dieta da seguire,o qualsiasi cosa crediate possa essere utile agli altri che apriranno questa finestra.Potrebbe essere un punto di incontro per tutti noi, io ho creato il nostro salottino sta a voi adesso decidere se sedervi a discutere......ciao a tutti.

46 commenti:

  1. Ciao Simona, sono capitata qui quasi per caso da un post su alfemminile e....che bello trovare una persona che si interessa di tutto questo!
    Spero di avere presto notizie da dare a chi, come me, soffre di intolleranza (o allergia ehm...) ai lieviti.. perchè credo che condividendo tutte le nostre esperienze si può accrescere il livello di consapevolezza e magari.. trovare anche un po di forza per tenere duro nei momenti in cui si sta peggio! Baci a tutte le lettrici!

    RispondiElimina
  2. e si, l unione fa la forza, spero che la mia iniziativa venga presa in considerazione da chi passerà dal mio blog, per creare un salottino di discussione, familiare michevole, spero davvero che ci si possa sentire meglio dopo una chiacchierata tra noi intolleranti! grazie per essere stata la prima ....hai rotto il ghiaccio!ciao

    RispondiElimina
  3. io sono allergica al glutine,riesco con facilità a fare la spesa anche variando i prodotti se sugli stessi trovo il simbolo della spiga barrata. Mi piacerebbe che sempre più in commercio ci fossero prodotti senza glutine, perchè ciò permetterebbe, a chi come me è allergico, di trovare facilmente i prodotti ma anche di sperimentarne nuovi.Non è sempre facile e pratico al supermercato mettersi con il prontuario a cercare ciò che si può prendere e spesso per la fretta si prendono solo i prodotti con il simbolo rischiando di essere monotoni nella scelta.Non sarebbe più facile e chiaro da parte vostra mettere il simbolo? Ne avreste anche un ritorno economico maggiore. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. presto posterò nuovi prontuari: allergia al latte, glutine, lievito....insieme possiamo indicare i prodotti adatti ma non espresseamenti indicati perchè esenti da spiga barrata o da espressa essenza di altri allergeni...sono certa che insieme riusciremo ad ovviare alle mancanze delle ditte....pensate a quanti passi ha fatto la celiachia.. ce la faremo anche noi!!!!!

    RispondiElimina
  5. sono allergica al glutine e non passa giorno che non debba mettere le mani in pasta per poi poter mangiare cose sfiziose,gustose e anche golose. Lo faccio per me e soprattutto per mia figlia.IO amo cucinare ma spesso è scoraggiante vedere che se non faccio il pane, non faccio dolci la tavola è semivuota. Vorrei che qualche imprenditore leggesse questo mio pensiero e provasse a vivere almeno per un giorno da celiaco. Si renderebbe subito conto che le aziende produttrici di alimenti potrebbero fare di più essere più chiari creare prodotti specifici meno costosi da poter essere poi acquistati anche dai bar.Anche noi abbiamo il diritto di poter fare la colazione al bar, gustare un gelato artigianale comprare un pezzetto di pizza..... non sono mica cose della lunA.

    RispondiElimina
  6. hai ragione, spesso è sconfortante vivere a passo con una società lenta...ma, probabilmente sbaglierò, credo che le cose difficili capitino a chi ha la tenacia di affrontarle..lo hai detto tu hai sempre le mani in pasta!!lo avresti mai detto prima?avresti mai pensato di saper ricreare cibi con la tua forza di volontà?anche io spesso mi affliggo ma poi l'essere fiera della mie capacità culinarie mi da una strana forza....so che hai ragione ma non possiamo abbatterci!!!!

    RispondiElimina
  7. Un saluto ai lettori sono MIK DA VICENZA da anni realizzo prodotti per intolleranti alcune ricette le trovate sul sito nazionale A.I.C (pan di spagna -piadina -biscotti etc.) sul mio sito potete vedere alcuni prodotti e ultimamente svolgo corsi cucina senza glutine con prodotti convenzionati sia mix che naturali
    un saluto
    www.biscottimik.com

    RispondiElimina
  8. ciao a te, benone, se molti sponsorizzassero i propri prodotti , noi allergici faremmo meno fatica a trovarli!!!!grazie del tuo contributo. tra i miei link dovresti trovare anche"negozi per noi"..puoi scrivere il tuo indirizzo web anche li.ciao

    RispondiElimina
  9. ... vi racconto la mia storia pensando alla PREOCCOPAZIONE CHE HO DATO ALLA MIA MAMMA.
    La mia storia è lunga 37 anni ed inizia quando non prendevo peso, all'età di 6 anni ero soli 15 kg poichè vomitavo o mi scaricavo.
    Nel 1977 il mio medico curante diagnosticò sospetta celiachia mettendomi a dieta per 5 lunghi anni difficili per me e per i miei genitori.
    Ho smesso di scaricarmi ed ho iniziato a crescere di peso, ho poi reintrodotto il glutine in piccole quantità e a 13 anni ero un metro e settanta e pesavo sessantatre chilogrammi, mi ero ripresa.
    Ho provato negli anni successivi le analisi per gli anticorpi anti gliadina e anti endomisio risultando tutto normale quindi non celiaca.
    Apparentemente tutto risolto, mangiavo di tutto, anche se saltuariamente stavo male con dolori di stomaco che non riuscivo a giustificare ma che ignoravo.
    Ho sempre dormito tanto risvegliandomi ancora stanca anche questo sempre ignorato.
    Avevo spessissimo mal di testa che ignoravo e svariati altri sintomi sempre ignorati ma il mio corpo lo scorso anno mi ha mandato un deciso allarme che non ho potuto ignorare abbassamenti di pressione che non mi permettevono di svolgere regolarmente la mia vita e costante stomaco gonfio da non lasciarmi dormire la notte.
    Ho deciso di fare il test delle intolleranze alimentari con test del prelievo del sangue per individuare le reazioni avverse alle proteine alimentari.
    RISULTATO forte intolleranza la bianco e al rosso d'uovo,intolleranza a latte e derivati non che al frumento e lieviti naturali.
    E CHE MANGIO ORA ?
    Ho completamente cambiata alimentazione da circa 9 mesi e sto molto meglio, tra tre ritento il test per vedere se qualcosa è migliorato nelle percentuali di intolleranza.
    A completare il mio quadretto delle intolleranze ci sono anche tutti quegli alimenti che negli anni in effetti ho fatto largo uso nei dolci ma che mi davano forza e solievo spirituale:
    cacao
    miele
    vaniglia
    banane
    cocco
    arachidi
    noci
    semi di cola
    Ed in ultimo malto d'orzo quindi con questo caldo neppure una birra fresca pazzienza :-)
    CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve sono Michele ,il messaggio precedente
      su ricette aic trovi - piadina mik - farina di mais mix fina (molino filippi) e fecola tirata fine 2mm e cotta a piastra e' un pane azzimo senza glutine e lieviti , per il dolce si puo aggingere la stevia (retrogusto di liquirizia) un pizzico di cannella . uvetta
      Per la pressione liquirizia pura , cannella .
      Per la birra si trovano nei negozi per celiaci .
      un saluto mik

      Elimina
  10. grazie per averci raccontato la tua esperienza.se sono intolleranze e non allergie, con il tempo dovresti riprende a mangiare di tutto, in modo controllato,seguita da un medico, ma a poco a poco le tue tavole torneranno ad essere bandite come una volta ma, a differenza di una volta, non avrai piu' dolori, perchè hai dato tempo al tuo fisico di riprendersi, di depurarsi,di allontanarsi da ciò che lo infiamma.non sarà una dieta facile ma se hai finalmente trovato la strada giusta, vale la pena seguirla.in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  11. Ciao a tutti!
    Sono la mamma di un ragazzino allergico alla frutta a guscio (tutta) sia come ingrediente che come contaminazione.
    Non sarò ripetitiva rispetto a quanto già detto, sulla disinformazione e sulla poca attenzione rispetto ad una condizione che limita spesso la qualità della vita.
    Ogni tanto ne parlo nel mio blog, che però non è specificatamente dedicato alle allergie.
    Apprezzo chi, come Michele sopra, ci informa della presenza di produttori attenti a questo problema. Purtroppo però l'attenzione è concentrata soprattutto sulle allergie a latte/lattosio/etc ed alla celiachia, mentre nel nostro caso vedo che progressivamente tutti i marchi si stanno allineando alla scuola di scrivere ovunque "contiene tracce di" col risultato che ci sono interi banchi di supermercato in cui non possiamo comprare nulla.
    Sopperiamo facendo molto in casa (nutella senza nocciole, gelato, pesto senza pinoli) ma sarebbe auspicabile che ci fosse maggiore informazione per evitare inutili rischi, dettati dalla diffusa convinzione che le allergie siano un vezzo, una fissazione e non una vera malattie.
    Forse colpa anche di chi ha abusato del termine allergia semplicemente per rifiutare un cibo (più di quanto si creda).
    Ho scoperto questo blog attraverso monica di mimangiolallergia.
    Complimenti! Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao barbara ho postato una ricetta"pasta salsiccia e noci" con dovute modifiche per tuo figlio...altrimenti il mio blog non sarebbe per tutti! un bacione a tuo figlio. ciao ciao

      Elimina
    2. grazie del pensiero!
      adesso penso ad una ricetta per il contest!!!

      Elimina
    3. ciao! mi potresti dire per favore come fare la nutella senza nocciole? grazie

      Elimina
    4. Ciao a tutti sono nuova mi chiamo Katia e sono 10 anni che combatto senza risultati ! Le mie allergie sono frutta a guscio , soia e frutta secca; le mie intolleranze sono molteplici ma purtroppo non sono riconosciute alle volte dai medici e per ciò vivo costantemente in un incubo. Tutto questo mi comporta ad un enorme stress perchè non so mai cosa poter mangiare, anche il mangiare un piccolo gelato o una semplice torta fatta in casa mi porta alla disperazione . Di recente ho letto in un vostro blog dove dite che si può fare la Nutella senza nocciole...mi spiegate come si fa ? Sono preoccupata perchè il mio allergolo mi ha detto che il cacao è considerato come frutta secca .


      Grazie , aspetto con ansia le vostre risposte :)

      Elimina
  12. benvenuta barbara, capisco le tue lamentele e le faccio mie, o forse sono poi le lamentele di tutti noi destinati alla ricerca dell'alimento giusto spesso con troppe contaminazioni. è vero, io non soffro di allergia alla frutta al guscio ma mi rendo conto, nel leggere gli ingredienti per altre necessità, che è sempre più frequente la dicitura che indica la possibile presenza di tracce di esse. anche l'intolleranza al lattosio mostra prodotti con dicitura "senza lattosio" e poi in realtà ne esiste una minima parte....che dire la società è ancora poco attenta a noi, speriamo che presto le nostre lamentele siano ascoltate, se vieni dal sito di monica saprai che sto scrivendo un libro con la speranza che le lamentele silenzione e poco note del web possano essere appena un po piu' diffuse e forse ascoltate...ci riusciro'? non so, ma perchè non provarci? un bacio al tuo bambino...ciao e grazie per aver condiviso la tua esperienza con noi.simona

    RispondiElimina
  13. Sei Celiaco? stai lontano dalla Conad!!
    Mi fornisco spesso presso il punto vendita CONAD di Morciano ed avendo un bimbo celiaco quando lessi il poster pubblicitario che annunciava la presenza dei prodotti per celiachia ecc ecc ero abbastanza contento, ma si è trattato di menzogne infatti cercare i prodotti per celiaci è diventata praticamente una caccia al tesoro infatti i prodotti congelati della DS vengono spostati ogni settimana e non sono neanche raggruppati ad esempio le pizze sono ben nascoste dietro altri prodotti che contengono glutine, i ravioli e tortellini da un'altra parte ma la settimana successiva non li trovi più vanno ricercati e praticamente la maggior parte delle volte non ci sono, parlando con l’addetto responsabile mi e stato risposto che sarebbe meglio ordinali in quanto la conad è piuttosto riluttante alla vendita di questi prodotti in quanto non interessata ma non e tutto, alcuni giorni fa dopo aver riempito il carello, giunto alla cassa mi è stato fatto notare che dovevo fare due conti separati uno per i prodotti per celiaci uno per il resto della spesa …. e fin qui, anche se sono gli unici a farlo… mi può star bene anche se sarebbe molto discutibile, oggi dopo essermi organizzato con due carelli e credendo di aver semplificato il tutto giunto alla cassa mi viene fatto notare che per i prodotti per celiaci devono essere fatti tanti conti separati per quanto sono i buoni AUSL…. Ma che caz… significa?? E non è finita..... mi armo di pazienza e passiamo i primi prodotti fino al raggiungimento del importo del buono differenza 60 centesimi… ulteriore perplessità … porgo il bancomat e la cassiera mi risponde “ no deve darmeli in contante…” ho lasciato tutta la spesa e sono andato via, risparmiando la cassiera di una valanga di VAFFANCULO.....
    Quindi sappiate che la politica della Conad in merito a questi prodotti è semplice, non gli importa una mazza.. pessimo servizio, pochissima disponibilità dei prodotti, comportamento volto a scoraggiare chi vuole acquistare prodotti per celiaci, pagamento dei prodotti ... direi un odissea di illogicità.
    Ciò che ritengo grave è l'affissione di poster in merito ai prodotti per celiaci con tanto di enfasi "dalla parte del cosumatore" quando si parla di pubblicità ingannevole.
    Quindi se dovete fare spese che richiedono una buona varieta di cibi senza glutine è l'utilizzo dei buoni per la celiachia evitate la Conad.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non sono celiaca ma anch'io necessito di alcuni prodotti gluten-free (l'importante è che non contengano frumento) e le mie brave spese (che mi rifiuto di fare in farmacia) le faccio all'U2 e alla Coop/Ipercoop che sono fornitissimi (peccato la coop abbia soppresso il pane di kamut); alla Conad prendo solo la mozzarella a basso contenuto di lattosio

      Elimina
  14. o mamma!!!sei un po arrabiato con la conad?ihhih e lo capisco bene! spero non sia cosi in tutte, però devo ammettere che molti prodotti senza lattosio scoperti al conad e che mi hanno reso la donna più felice del mondo per la loro esistenza..sono poi magicamente spariti...quindi mi ritrovo in parte in ciò che dici. la loro politica è promuovere o presentare prodotti per far si che il cliente sappia della loro esistenza, poi li eliminano dagli scaffali e il cliente deve contattare le ditte per sapere come riavere il prodotto.
    grazie al conad so del''esistenza di mozzarelle , fette filanti di formaggio, ricotta tutto senza lattosio, e quindi mi sento di ringraziare, d'altro canto ci rimango male quando eliminano il prodotto. il pagamento non saprei, sono allergica al frumento e non celiaca e allo stato attuale sebbene la similitudine di dieta , a me non viene riconosciuto alcun buono per cui pago tutto con soldi,prodotti per celiaci e non. capisco la tua arrabbiatura si fa tanto per sentirsi uguali agli altri e certi atteggiamenti non incoragiano di certo.ma noi siamo più forti di ogni cosa, le sventure capitano a chi le sa affrontare no?!ciao frera. e buona spesa all'esselunga :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be non si tratta di essere arrabiato ma mi sembra inutile che fai perdere tempo alla gente dicendo che ci sono i prodotti per celiaci e poi l,i sposti ogni settimana e ce ne son pochi ma non e finita in piu fai un mare di storie per il pagamento dei buoni dell AUSL allora non far perdere del tempo alle persone e non affligere poster con pubblicità falsa e ingannevole... poi per il resto ... nessun problema non ci vado piu :) ma non posso far a meno di sconsigliarlo a chi è celiaco d'altra parte siamo tutti nella stessa barca ed almeno ci consigliamo :)

      Elimina
  15. Ciao, ricambio volentieri la tua visita, sto navigando sul tuo blog e mi interessa moltissimo, non ci crederai ma anche io sono allergica a qualcosa, che però a colpo d'occhio non ho trovato ancora qui. Guarda, in passato sono stata male per svariati motivi, e dopo avermi rivoticato come un calzino mi trovano questa stramba allergia che mi ammazzava letteralmente l'intestino e non solo, praticamente ovunque andavo a mangiare quando tornavo a casa stavo malissimo, di stomaco ma soprattutto di intestino e per la maggior parte delle volte davo di stomaco. Ho passato anni in bagno, nottateintere di sofferenza, per molti mesi non toccai più niente, alla fine per la disperazione feci l'analisi per le allergie e mi riscontrarono questa,a dir poco allucinante, praticamente è un elemento presente in moltissimi preparati alimentari e quindi è scattata la lettura dell'etichetta già da tempi remotissimi, ed inoltre in quasi tutti i ristoranti è un ingredienti chiave della cucina, insomma sono allergica all'aglio! Sono un vampiroooooooooo ah ah ah!
    Però da quando ho scoperto questa allergia e di conseguenza aver tolto questo ingrediente dalla mia alimentazione sono rinata, certo è che la difficoltà è quando viaggio, perchè a parte la Grecia, ovunque sia andata ho dovuto sostenermi con misere insalatine perchè l'aglio, il famoso garlic, era ovunque:pane, pasta, salse, passate, a momenti anche sui dolci....un inferno, altro che paradiso!!!!
    Va beh, questa è la mia allergia primaria, poi mi hanno riscontrato una lieve ad altri alimenti quali pera, lievito, lattosio, ma continuo a mangiarne anche se mi gonfio come una mongolfiera.
    IL tuo blog lo sviscererò, grazie per avermi trovata perchè così io ho potuto trovare te!
    Valentina

    RispondiElimina
  16. ciao vale è un piacere tutto mio averti trovata, ti ho aggiunto anche in fb e ho visto che l'hai fatto anche tu.anche io mi gonfio se mangio lattosio e lievito in più ho tolto un polipo intestinale forse dovuto alle allergie per cui io non rischio ecco perchè nasce il blog e la mia nuova vita alimentare per eliminare cio' che mi fa male ma non rinunciareal gusto!....senti vampiro(!) anche mio marito è allergico al solo aglio....una sera tra amici è stata organizzata una cena fredda..tutti temevano per me che allergica a lievito, grano, lattosio,kiwi salmone, acido citrico avrei rischiato di non mangiare molto e invece poverello la cena era: melanzane alla griglia con menta e AGLIO!, bruschette con pomodorini peperoncino e aglio! polpette di melanzane con aglio liofilizzato! salumi tra cui il salame alle erbe che contiene AGLIO!è ha contaminato il piatto per cui banditi i salumi...insomma io ho rinunciato alla pasta che sembrava una delizia ma lui ha rinunciato a tutto il resto!!!capisco dunque la tua tortura! baci baci e piacerissimo di averti incontrato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah mi hai fatto sorridere, povero marito tuo, lo capisco in pieno. Girovago un pò nel tuo blog per carpire qualche bella ricettina, un abbraccio forte,
      Vale

      Elimina
  17. Tesoro, non so dove scriverti....sono dei tuoi per la giuria, resto in attesa di sapere.....un abbraccio,
    Vale

    RispondiElimina
  18. Ho letto al volo, perché sto a lavoro, stasera leggerò con attenzione ma mi sembra di aver capito che sarò giudice per le ricette senza lievito...bene bene bene!
    Risentiamoci più tardi per aggiornarci!
    Buon lavoro,
    Vale

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti,
    Io sono ancora in tunnel senza fine. Sto ancora effettuando esami su esami per poter capire se sono allergica, celiaca o chissà cosa. Premetto che a parte il test genetico risultato positivo gli altri esami sono risultati negativi..... ma io non riesco ancora a stare bene! Subito dopo la gastroscopia ho iniziato la dieta senza glutine e piano piamo alcuni sintomi tipo diarrea, gonfiore generalizzato dolori addominali a volte coliche, stanchezza fortissima (tornavo dal lavoro e crollavo!) capogiri asma quotidiana, lingua sempre gonfia, vomito e... non sto a descriverli tutti perché interminabili... sono migliorati. Ho scoperto che anche solo a respirare vicino alle farine glutinose mi si gonfiava la gola, il palato e mi veniva l'asma.... quindi cortisone, ventolin ecc.... Mi piace molto il vostro sito e vi aggiornerò sull'esito diruto, il 17/10 ho la visita con l'allergologa dove effettuero il prick test sulle farne fresche..
    In corso ho le IGE specifiche su 63 allergeni compreso glutine e cereali vari.
    Naturalmente non poteva mancare l'intolleranza al lattosio ed al tuorlo!

    Un abbraccio a tutti! L'unione fa la forza!

    RispondiElimina
  20. Ciao a tutti...
    da dicembre dello scorso anno è cambiata la mia vita in seguito all'esecuzione del cytotest e del test genetico per celiachia-lattosio-nichel. Risultato:
    - intollerante al grano;
    - intollerante alle proteine del latte;
    - intollerante al mais;
    - intollerante al lattosio;
    - predisposta alla celiachia (ma non ancora celiaca).
    Per mia fortuna, essendo io stessa biologa nutrizionista, mi sono impostata un percorso anzitutto di disintossicazione e poi di sostituzione/reintegro di certi alimenti. Ad oggi posso dire che il grano continuo a non tollerarlo, il mais posso di nuovo utilizzare, le proteine del latte mi danno meno fastidio però l'intolleranza al lattosio rimane. Nonostante la predisposizione alla celiachia, mi sono rifiutata di intraprendere una dieta esclusivamente gluten-free ma la mia alimentazione carboidratica comprende sia cereali gluten-free che cereali low gluten rate (farro, kamut, orzo) e devo dire che i risultati mi danno ragione. Oltretutto da quando ho cambiato l'alimentazione sono anche scesa di peso (quasi -30 kg) e asesso, sinceramente... mangio pure più di prima senza più tanti dolori!
    Quel che mi preme dire è che l'intolleranza/allergia non deve frenare la nostra fantasia in cucina! A me, per esempio, l'ha decuplicata!!!

    RispondiElimina
  21. Salve a tutti... grazie al blog di Rosalba (mieleevaniglia) mi sono unita al vostro gruppo! ho una figlia celiaca da diversi anni e sono contenta di poter condividere con voi! buona serata a tutti!!!

    RispondiElimina
  22. Ciao a tutti, sono Giuliana. Mia figlia di 2 anni è allergica al frumento e si sospetta anche allergia all'uovo, perciò da quando aveva 8 mesi ha una dieta che elimina tutto ciò che contiene entrambi questi alimenti. Devo lamentare il fatto che molti produttori ancora non tengano presenti queste problematiche, sia perchè spessissimo le etichette non sono chiare sia perchè non si tiene affatto conto di allergie/intolleranze "multiple" come nel caso di mia figlia. Ad esempio, esistono prodotti gluten free ma senza certificazione dell'assenza di uovo (tipo i biscotti senzagrano Misura o Galbusera), così' sono costretta a comprare prodotti carissimi (Biaglut)che perlomeno mi danno sicurezza su entrambi i fronti... Comunque, diciamo che tra mille peripezie ce la stiamo cavando.... la cosa che però più mi dispiace e un pò mi pesa è di non poter mangiar serenamente fuori casa... anche domenica scorsa, che qui da noi in Sardegna sembrava primavera, eravamo al mare e ci sarebbe tanto piaciuto restar fuori tutto il giorno con le bimbe... ma cosa avrebbe mangiato Elena? stiamo sognando un'uscita familiare in pizzeria! morale, siam sempre a casa.... e che tristezza le feste di compleanno o di battesimo, in cui lei non può mai toccar nulla!

    RispondiElimina
  23. Ciao, ti faccio i complimenti per il blog e per l'impegno che di metti. Vorrei segnalare qui anche il mio (iniziato da non molto) che è più incentrato sull'allergia all'uovo, sesamo, frutta secca, pesce e frutta. Sarei curiosa di sapere cosa ne pensate per vedere come migliorarlo :)
    Ecco l'indirizzo:

    allergiauovo.blogspot.it

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. ciao a tutti,ho 20 anni e dopo 4 anni di orticaria ho scoperto di essere allergica al grano..aimè pero' anche nei trucchi dentifrici e colluttori,cosi come in profumi e bagnoschiuma spesso è contenuto grano...qualcuno di voi sa sulle etichette come viene denominato il grano?sono riuscita a scoprire solo il"triticum vulgare"...se qualcuno lo sapesse mi salverebbe:)grazie in anticipo
    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusate,dimenticavo di dire che sono allergica anche alla soia se qualcuno dovesse sapere anche quello tanto meglio,perchè i dottori con cui ho avuto a che fare si sono rivelati degli incompetenti!4 anni buttati al vento..concordo con chi ha scritto della poca disponibiita' del Conad...una volta dovevo prendere della carne e ho chiesto se fosse senza glutine,la risposta è stata"noi non possiamo assicurarle niente,se non c'è scritto sopra,vuol dire che non si sa"

      Elimina
  25. ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
    silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao
      Sono intollerante a lievito e latte non essendo brava in cucina qualcuno ha ricette facili e veloci per me?.....Grazie

      Elimina
  26. Ciao a tutti, vorrei condividere la mia esperienza, anche se per fortuna non si tratta di allergie particolarmente gravi, solo che ho paura che possano peggiorare con l'età (ho 22 anni). Non ho mai fatto le prove allergiche soprattutto perché, non avendo conseguenze particolarmente gravi, mi limito ad evitare determinati alimenti che so potrebbero farmi male. Innanzitutto sono allergica alle fragole, anche se fino a 5 anni le mangiavo tranquillamente; questa è andata peggiorando, se infatti una volta potevo "rischiare" di mangiare una caramella alla fragola o le mie care Big Bubble, adesso non sopporto neanche l'odore. L' "unica" conseguenza che mi provoca è la stomatite (mi riempio di bollicine nell'esofago e nel cavo orale), solo una volta ho avuto l'orticaria dovuta all'utilizzo dell'Autan, che non sapevo fosse alla fragola (né tantomeno era indicato nell'inci!). Ho altre allergie ben più "fastidiose": non posso mangiare frutta che non sia coltivata senza veleni (quindi niente supermercato, e finché mio padre continuerà a coltivare la sua passione per l'orto non sarà un problema); niente prodotti pieni di conservanti, quali i preparati che si trovano al supermercato (passati, risotti liofilizzati, piatti pronti surgelati, preparati per dolci etc...), niente frutta sciroppata, niente yoghurt con la frutta, solo quelli naturali, niente cereali per il latte, a meno che siano solo cereali senza musli etc. Ho anche difficoltà a digerire il latte, ma ho risolto usando lo zymil. Per farla breve, dovrei mangiare solo biologico, ma non sempre è fattibile. La conseguenza è sempre la stessa, la stomatite. Soffro spesso di gonfiore ed emicrania, ma non saprei se associarli all'alimentazione.
    Probabilmente sarebbe saggio da parte mia fare le prove allergiche, giusto per essere più sicura, ma il mio analista mi ha chiesto un patrimonio, e per il momento non posso permettermelo. Chi le ha fatte, sa dirmi quanto gli è costato? E c'è qualcuno che ha il mio stesso problema?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a tutti sono allergica alla frutta a guscio..cioe arachidi noccioline noci mandorle pinoli e per non bastare sono allergica all olio di semi di girasole e di conseguenza a tutti gli oli vegetali..un disastro davvero eppure ormai ci convivo da ben 9anni..ma non è facile eppure è cosi..per forza..cucino un sacco in casa..di tutto..il problema è fuori e nessuno ti da retta o comunque in generale danno poca attenzione a questi problemi...se il conad vende il pane e non sa nemmeno gli ingredienti..siamo messi male..voglio dire una cosa basterebbe veramente poco informare il cliente con gli ingredienti e chi è allergico e sa puo gestire la cosa..piu informazione scrivere anche su cose fresche cosa c e dentro..non sempre la scritta vedi libro..volevo sapere come si fa la nutella senza noccioline sarebbe come guarire da tutto cio..sono 9anni che non metto in bocca un cioccolato..tutti ne contengono la traccia e quindi evito devo dire che sono molto brava..e attenta..un bacio a tutti!! A un altra cosa i medici su questo tema devono aiutare e seguire di piu un allergico non è facile..io non posso piu andare all estero faccio fatica qui a spiegare il tutto...

      Elimina
  27. Ciao, è la prima volta che visito questo blog, e ringrazio tutti veramente per i preziosi e utili consigli.
    Io sono intollerante al glutine e al lattosio, e desidero condividere due info che forse possono essere utili:
    1) oltre al latte di soia, che a me personalmente non piace, è possibile trovare in commercio il latte di riso biologico, dal gusto naturalmente dolce, in alcuni casi integrato con calcio;
    2) dato che non sono celiaca, ma solo intollerante al glutine, per soddisfare la mia voglia di pasta ogni tanto mangio i pizzoccheri o altra pasta a base di grano saraceno (ATTENZIONE: c'è anche il grano, per cui, anche se in minore quantità, c'è presenza di glutine): buonissimi saltati in padella con i broccoli al vapore, olio evo e un'acciughina, oppure con la catalogna.
    Buon appetito a tutti! :-)

    RispondiElimina
  28. Ciao a tutti!
    Sono ancora un po' frastornata perchè ieri ho portato il mio piccolo di 4 anni dall'allergologo ed ho scoperto che quella che pensavamo una lieve allergia all'uovo è invece una grave allergia all'uovo ed una più moderata alle arachidi (per non parlare di quella agli acari e delle varie ai pollini).. risultato?? Non so più cosa mettere nel carrello!!! Non può mangiare nemmeno prodotti fatti in stabilimenti che utilizzano uova!! Non può mangiare frutta a guscio ma non dovrebbero esserci problemi se mangia prodotti fatti in stabilimenti che utilizzano frutta a guscio.. Qualcuno sa darmi qualche consiglio su cosa comprare??
    Silvia

    RispondiElimina
  29. Salve a tutti mi chiamo Antonella e ho 30 anni soffro da molto tempo (circa un paio di anni) di un gonfiore e un dolore terribile allo stomaco, cistiti molto frequenti e molto spesso dopo aver mangiato ho un senso di stordimento che prima d'ora non consideravo piu'di tanto, mi accorgo del fatto che dopo aver mangiato pane o pizza sento lo stomaco che si gonfia sempre di piu.Sono andata da una nutrizionista molto scrupolosa, a cui ho raccontato questi sintomi e subito mi ha detto che potrebbe trattarsi di allergia al lievito non so, ora dovrei fare i test per le allergie voi che ne pensate? Grazie

    RispondiElimina
  30. Ciao a tutti!
    Io sono intollerante all'uovo. Il problema è che quando lo mangio avverto un problema molto insolito...ho quasi imbarazzo a dirlo, cmq tocca la mia sfera ginecologica con conseguenza candida e forti bruciori.
    E' iniziato tutto 3 anni fa, non vi dico che calvario ho passato prima di capire che si trattasse di un alimento.
    Ho passato 3 anni spensierati, adesso è da un anno che sono ritornati i problemi, cistiti e candida. E' riniziato il calvario. Non esiste ginecologo che possa aiutarmi, sono stata dall'allergologo e non ha trovato nulla, non mi resta che ripetere i test per le intolleranze. Volevo chiedervi: qualcuna di voi ha i miei stessi problemi? Quali test per le intolleranze sono piu attendibili? Grazie per la risposta

    RispondiElimina
  31. Ciao a tutti mi chiamo Katia e sono nuova, anche io ho problemi alimentari ..dovuti ad allergie a frutta a guscio e a farmaci e intolleranze di vario tipo . Vorrei sapere alcune ricette come alcune che ho visto sul vostro blog , come la Nutella fatta in casa senza nocciole però mi è stato detto dal medico allergologo che il cacao è considerato come frutta secca , vorrei sapere se è vero .

    Grazie a tutti per l'aiuto! :)

    RispondiElimina
  32. Ciao spero che qualcuno di voi mi possa aiutare è un anno che abbiamo scoperto che mio figlio di 9anni è allergico alla frutta a guscio, e non solo alle graminacee ai fiori alle piante alla farina di grano, ma non è celiaco ma il pediatra, gli ha ridotto le dosi di farina di grano, lo può mangiare 2 volte a settimana ma non di più!non riusciamo a trovare niente che lui possa mangiare tutto quello che troviamo dietro alle etichette c è sempre scritto contiene tracce di frutta a guscio, può essere che un bimbo piccolo debba a questo punto desiderare qualsiasi cosa da mangiare?spero che mi potreste aiutare a trovare!grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaetano Maione ciao sono il papà di un bimbo che han lo stesso tuo problema dappertutto c'è la scritta"può contenere tracce di frutta a guscio".E' un enorme problema tutto e' contaminato

      Elimina
  33. Salve a tutti,
    Sono una ragazza di 19 anni. Circa tre settimane fa ho avuto uno shock anafilattico provocato da una noce del brasile. Prima di questo episodio non avevo alcun tipo di allergia. Ho fatto gli esami ematomici ed anche cutanei dai quali è risultata l'allergia alle noci e alle nocciole. Il problema è che una settimana dopo lo shock anafilattico, a scuola ho mangiato un solo tarallo (che mangiavo quasi quotidianamente prima dello shock) che mi ha provocato una grave reazione allergica. Fortunatamente mi sono iniettata la penna di adrenalina e la situazione non è diventata grave. Da quel momento sono seriamente spaventata. Nel tarallo gli allergeni presenti erano soia, sesamo e segale (ma dagli esami non risulta che io sia allergica a questi ingredienti). L'allergolo, data la situazione, mi ha detto di astenermi dal mangiare qualsiasi tipo di frutta a guscio, compreso il cocco e il sesamo. Il fatto è in quasi TUTTI i prodotti industriali sono presenti tracce di frutta a guscio. Non so cosa fare, in questo mese mi sto limitando a mangiare alimenti non elaborati per paura della contaminazione, quindi riso, patate, tonno. Volevo chiedere se qualcuno con il mio stesso problema potesse indirizzarmi magari una marca che produca alimenti industriali (cioccolato, biscotti, patatine) che non utilizzi alcun tipo di frutta a guscio. Grazie in anticipo

    RispondiElimina